Coronavirus nel Sannio, 4 positivi (12.507 dall’inizio). In Campania: 80 casi e 5 morti

AGGIORNAMENTO DELL'UNITÀ DI CRISI E DEL MINISTERO DELLA SALUTE. IL GOVERNATORE AVVERTE IL MINISTRO: «NO MIX VACCINALE». E SOSPENDE I RICHIAMI ASTRAZENECA SOTTO I 60 ANNI». La situazione dell'epidemia di Covid-19 in ambito provinciale e regionale, dove crolla il numero di test eseguiti nelle 48 ore, ma il nuovo contagio è ai minimi dall'inizio dell'anno. Da martedì tornano cerimonie e matrimoni. La mappa dell'infezione nelle province

I positivi al Coronavirus nel Sannio dal primo di agosto 2020 sono 10.706 per effetto di casi trovati su 91 tamponi esaminati nelle ultime 24 ore e 10 guariti. Nell’ospedale di Benevento al momento sono ricoverati 12 pazienti: 0 in terapia Intensiva, 4 in Pneumologia/Sub Intensiva, 7 in Malattie Infettive, 0 in Medicina Interna, 0 in Medicina d’Urgenza/Sub Intensiva Area Covid, 1 in isolamento presso il Pronto Soccorso. Tornando al bollettino, l’Asl non ha fornito dettagli circa la localizzazione geografica dei casi di coronavirus nel Sannio. Tra i nuovi casi di coronavirus nel Sannio nessuno presenta sintomi. La Protezione Civile nel pomeriggio ha indicato nella tabella diffusa alle 17 (del 14 giugno) i contagi totali di coronavirus nel Sannio da marzo 2020: 12.507 (vedi tabella infografica riportata). Sono stati accertati in Campania 80 positivi (la prima volta sotto i 100 dall’inizio dell’anno) con decessi, mentre in Italia sono stati accertati nelle 24 ore 907 casi e 36 morti. Si tratta dell’incremento di nuovo contagio più contenuto nell’arco dell’anno. Intanto, in attesa del passaggio nella fascia bianca dal 21 giugno, la Campania vive gli ultimi giorni nella fascia gialla fino al 20 giugno prossimo con coprifuoco alle 24. Da martedì sarà possibile per chi è in possesso della certificazione verde partecipare a cerimonie e matrimoni. Nel frattempo cambia radicalmente il piano vaccinale. Il Presidente Vincenzo De Luca, ha annunciato che d’ora in avanti in Campania saranno somministrati solo i vaccini Pfizer e Moderna. Per nessuna fascia di età, nemmeno per gli over 60, si utilizzeranno ancora quelli a vettore virale (Astrazeneca e Johnson & Johnson). Rispetto alla indicazione del Ministero di fare richiami col mix vaccinale, ha stoppato l’iniziativa. Per adesso si faranno con Astrazeneca i richiami a chi ne ha già ricevuto la prima dose solo sopra i 60 anni. Al di sotto si attendono lumi dal Ministero. Di seguito l’ultimo rapporto sintetico senza riferimento geografico (in versione scaricabile) sul coronavirus nel Sannio per Comune riferito ai tamponi esaminati entro le ore 17 del 14 giugno e pubblicato sul sito dall’Asl di Benevento in serata. A seguire, i rapporti dell’Unità di Crisi e del Ministero della Salute con riferimento al coronavirus nel Sannio, in Campania e in Italia.


Il bollettino Asl

Coronavirus nel Sannio, il rapporto dell’Asl Benevento di oggi 14 giugno

POSITIVI AL CORONAVIRUS NEL SANNIO E NELLE ALTRE PROVINCE CAMPANE – AGGIORNAMENTO ORE 17. Il Dipartimento della Protezione Civile ha diffuso alle ore 17 l’aggiornamento relativo ai casi positivi al coronavirus nel Sannio e nelle province della Campania. I dati: a Napoli 248.532 (+65), a Salerno 67.973 (+3), a Caserta 65.708 (+2), ad Avellino 20.256 (+6), a Benevento 12.507 (+4). Il dato riferisce il riepilogo diffuso dalla Protezione Civile comprendente anche casi già noti ma solo ora confermati. Non sono riportati ulteriori casi in attesa del secondo tampone di conferma.

Bollettino Covid-19 del 14 giugno 2021 alle ore 18 diffuso dal Ministero della Salute. Lo stralcio dei casi in Campania per province

IN CAMPANIA 80 POSITIVI (2.069 IN 10 GIORNI) CON 5 MORTI. In Campania i positivi al Covid-19 salgono a 422.619 totali per 80 nuovi casi su 2.240 tamponi molecolari esaminati in laboratorio (cui si aggiungono 1.051 antigenici), 5.087.072 dall’inizio della pandemia. Tra i nuovi positivi 24 presentano sintomi evidenti, mentre 56 risultano asintomatici. Negli ultimi dieci giorni sono stati rilevati 2.069 casi, ma per la prima volta quest’anno il nuovo contagio scende in un giorno sotto i 100 casi al giorno dall’inizio dell’anno. L’unità di crisi ha comunicato 5 morti per coronavirus in Campania, 1 dei quali deceduto nelle 48 ore. Il totale è di 7.342 persone decedute dal marzo 2020. Sono in calo i ricoveri nei reparti ospedalieri dedicati al virus. In terapia intensiva sono 24 i posti occupati, 5 in meno rispetto al giorno precedente (sull’intera rete ospedaliera attivabile sono disponibili 632 posti letto su 656). Da segnalare che per la prima volta quest’anno non si segnalano ingressi nuovi nella terapia intensiva. Il numero dei degenti nei reparti ospedalieri dedicati al Covid è 379, 31 in meno rispetto al giorno precedente (la riserva è di 2.781 posti letto sui 3.160 disponibili tra strutture pubbliche e private convenzionate).

In Campania i positivi al Covid-19 nell’aggiornamento fatto dalla Unità di Crisi della Regione Campania alle ore 17,00 di oggi 14 giugno 2021

LA SITUAZIONE CLINICA: RIEPILOGO. L’Unità di crisi ha comunicato 5 vittime (1 nelle ultime 48 ore, 4 in precedenza ma registrati ieri). Sale a 7.342 il numero totale dei morti per il coronavirus in Campania dall’inizio dell’epidemia. Sono state dichiarate guarite 324 persone nelle 24 ore, per un totale di 355.448. Nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del nuovo Coronavirus sul territorio regionale, secondo i dati diffusi dal Ministero della Salute alle ore 17, i pazienti ricoverati con sintomi in Campania sono 379 (-31) in terapia intensiva 24 (-5, con nessun ingresso del giorno), mentre 59.426 (-213) si trovano in isolamento domiciliare. I casi attualmente positivi, cioé detratti i guariti e i deceduti, sono 59.829 (-249) contro 422.539 casi totali dall’inizio della pandemia.

Vaccini Covid a Napoli e in Campania. Iniziata la campagna di immunizzazione

VACCINAZIONI ANTI COVID-19 IN CAMPANIA (AGGIORNAMENTO DEL 14 GIUGNO ALLE ORE 17,30): SOMMINISTRATE 4.161.587 DOSI. SUPERATI I 3 MILIONI DI PRIME DOSIL’Unità di crisi aggiorna costantemente sul portale dedicato i dati delle vaccinazioni in Campania. Secondo i dati aggiornati il 14 giugno alle ore 17.30, le somministrazioni effettuate sono state, in totale, 4.161.587. Complessivamente sono stati vaccinati con la prima dose 3.018.592 cittadini. Di questi 1.142.995 hanno ricevuto la seconda dose. Dosi somministrate: 93,82% di 4.435.863 consegnate.

VACCINAZIONI, IN CAMPANIA SOLO PFIZER E MODERNA PER TUTTI. ASTRAZENECA SOLO PER LA SECONDA DOSE AGLI OVER 60. PER ORA STOP RICHIAMI FINO A 59 ANNIL’Unità di Crisi Regionale (per la realizzazione di misure per la prevenzione e gestione dell’emergenza epidemiologia da COVID-2019) ha inviato una nota al Ministro della Salute in data 13 giugno, con la quale si chiedono lumi di merito scientifico, mettendo per iscritto i dubbi sulla praticabilità del mix vaccinale. Nel frattempo, la Regione Campania ha sospeso la somministrazione di prime dosi di vaccino a vettori virali (Astrazeneca- Vaxzevria e Janssen – Johnson & Johnson), per tutte e fasce di età, consentendo i richiami di Astrazeneca sopra i 60 anni, ma mettendo in attesa le persone fino a 59. Per questi ultimi, si attendono dati chiari sul piano scientifico. LE REGOLE: Da ora, la Regione Campania ha stabilito di: proseguire la vaccinazione di massa con vaccini Pfizer e Moderna; consentire a chi abbia già ricevuto la prima dose di Vaxzevria di completare il ciclo con una seconda dose di Vaxzevria, esclusivamente ove di età superiore ai 60 anni; per i soggetti di età inferiore ai 60 anni che abbiano ricevuto la prima dose di Vaxzevria, attendere l’acquisizione di ulteriori indicazioni di Codesto Ministero, rese anche sulla base delle valutazioni sopra riportate e, nelle more, non procedere alla somministrazione di vaccini diversi, in coerenza con le preoccupazioni scientifiche espresse, con eccezione dei soli soggetti per i quali risulti in scadenza la dodicesima settimana dalla prima dose e che ne facciano espressa richiesta.

Vincenzo De Luca, Presidente della Regione Campania durante il suo videomessaggio

DE LUCA AVVERTE IL GOVERNO: IN CAMPANIA NO AL MIX DI VACCINI E NO ALLA PRIMA DOSE DI VACCINI A VETTORE VIRALELa scelta di confermare i richiami con Astrazeneca, chiudendo nel contempo ai vaccini a vittore virale è stata spiegata dal Governatore. «Le vicende degli ultimi giorni relative all’uso del vaccino Astrazeneca cambiano in modo radicale il livello di fiducia, le sensibilità e la stessa disponibilità dei cittadini in relazione alla campagna vaccinale», ha affermato attraverso una nota. «Occorre dunque ricostruire il rapporto di fiducia verso lo Stato, oggi fortemente compromesso». Per questo, ha proseguito, «a tal fine sarebbe irresponsabile ogni atteggiamento di minimizzazione dei problemi. La realtà è che da oggi cambia completamente la programmazione vaccinale. E’ indispensabile, allora, una radicale semplificazione. Si chiariscano i ruoli. Si riconduca la funzione del Commissario a un lavoro esclusivamente tecnico-operativo, relativo alla distribuzione dei vaccini. Si riconduca la comunicazione medico-scientifica al solo ministero della Salute, che deve assumersi la responsabilità di fornire gli orientamenti, facendo parlare una sola persona incardinata nel ministero stesso». Per il Presidente della Campania, in definitiva, «il livello di confusione esistente rischia di pregiudicare lo stesso prosieguo della campagna vaccinale. La Regione Campania ritiene necessario fare scelte chiare». Quindi, «auspichiamo che da oggi in poi, da parte degli organi centrali, siano eliminate, nella comunicazione, espressioni del tipo: “è raccomandato”, “è consigliato”, “è preferibile”, ma si dica semplicemente; è consentito, o è vietato».

La Prefettura di Napoli

CAMPANIA NELLA FASCIA GIALLA FINO AL 20 GIUGNO. POI SARÀ BIANCA. LE REGOLE. La Campania è zona gialla fino al 20 giugno. Il Ministero della Salute ha confermato la attuale fascia di rischio epidemiologico per l’ultima volta, prima del passaggio in zona bianca dal 21 giugno, se i dati attuali saranno confermati anche la prossima settimana. Nel frattempo, valgono le regole della zona gialla. C’è la mobilità libera nelle province e nelle regioni italiane. Il coprifuoco sanitario scatta dalle ore 24 alle 5 del mattino, salvo comprovati motivi di lavoro, necessità e salute. Sono aperti bar e ristoranti, con consumo al tavolo nel rispetto dei limiti orari agli spostamenti in vigore. Negozi al dettaglio aperti, come i centri commerciali anche nei week end. Sono consentite le attività nei centri sportivi e lo svolgimento all’aperto di qualsiasi attività sportiva anche di squadra e di contatto. Palestre aperte, chiuse le sale giochi. Le attività delle Università si svolgono prioritariamente in presenza.

IN ITALIA (DATO DEL 14 GIUGNO ALLE 17). I POSITIVI SONO 157.790. I GUARITI SONO 3.960.951 E I DECEDUTI 127.038. OGGI 907 CASI IN PIÙ. Nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del nuovo Coronavirus sul territorio nazionale, i casi totali nel nostro Paese sono 4.245.779 ma al momento sono 157.790 le persone che risultano positive al virus. Le persone guarite sono 3.960.951. I pazienti ricoverati con sintomi sono 3.465, in terapia intensiva 536 (11 i nuovi ingressi nelle 24 ore), mentre 153.789 si trovano in isolamento domiciliare. I deceduti sono 127.038, questo numero, però, potrà essere confermato solo dopo che l’Istituto Superiore di Sanità avrà stabilito la causa effettiva del decesso. L’incremento dei casi totali è di +907.

Bollettino Covid-19 del 14 giugno 2021 alle ore 18 diffuso dal Ministero della Salute. Lo stralcio dei casi in Campania per province

CAMPAGNA VACCINALE IN CAMPANIA, SI PUÒ PRENOTARE PER LA POPOLAZIONE DAI 12 ANNI IN SU. In Campania si può prenotare la vaccinazione anti-Covid per la popolazione dai 12 anni in su. Per la fascia di età compresa tra i 12 e i 17 anni sarà somministrato il vaccino Pfizer. Il link per le adesioni alla campagna vaccinale e per prenotare la somministrazione è il seguente: https://adesionevaccinazioni.soresa.it/adesione/cittadino. Si prosegue la prenotazione per tutte le altre fasce, compresi i fragili. In aggiunta su base locale le Asl della Campania promuovono giornate straordinarie per la somministrazione a prenotazione immediata, i cosiddetti open day.

DISABILITÀ, ADESIONE DIRETTA “ON LINE” PER PRENOTARE IL VACCINO. È aperta la piattaforma regionale dedicata alle adesioni, in via telematica, alle vaccinazioni riservate ai pazienti fragili inseriti dal Ministero nella Tabella 2 della Categoria 1, relativa alla disabilità fisica, sensoriale, intellettiva, psichica, ai sensi della legge 104/1992, art.3 comma 3. L’adesione potrà essere registrata in forma diretta, senza rivolgersi ai medici di medicina generale. È prevista anche l’adesione di chi fornisce (convivente/caregiver) assistenza continuativa al paziente. Il link è lo stesso delle altre adesioni: https://adesionevaccinazioni.soresa.it/adesione/cittadino.

PAZIENTI FRAGILI, «I MEDICI DEVONO PRENOTARE SULLA PIATTAFORMA GLI ASSISTITI». CONTINUA LA PRENOTAZIONE DEGLI OVER 70 E DEI DOCENTI FUORI SEDE. Dal 17 marzo i medici di medicina generale devono inserire sulla piattaforma telematica della Regione Campania le adesioni alla campagna vaccinale dedicata, come da protocollo del Ministero della Salute, ai pazienti di elevata fragilità (malattie respiratorie, cardiocircolatorie, neurologiche, diabete, fibrosi cistica, insufficienza renale, malattia epatica, oncologica, trapiantati, HIV…)». Fanno eccezione le disabilità. Contestualmente «è previsto che gli appartenenti alla categoria di elevata fragilità, possono essere registrati e vaccinati dalle Aziende ospedaliere e i Centri regionali di riferimento che li hanno in ricovero e/o in cura per follow up». In Campania i cittadini possono prenotare anche la vaccinazione anti-Covid per la popolazione con oltre 70 anni di età. Il link per registrarsi è sempre: https://adesionevaccinazioni.soresa.it/adesione/cittadino. È possibile visionare e stampare l’attestato di vaccinazione al seguente link: https://adesionevaccinazioni.soresa.it/info/cittadino.


Il Rapporto

Report Vaccini Anti COVID-19 – Commissario dell’Emergenza e del Ministero della Salute

VACCINAZIONI ANTI COVID IN ITALIA: DATO DEL 14 GIUGNO: ORE 17.07. DOSI SOMMINISTRATE: 42.390.996 – IMMUNIZZATI AL NUOVO CORONAVIRUS (CON SECONDA DOSE): 14.136.528. Nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla vaccinazione contro il nuovo Coronavirus sul territorio nazionale, le persone a cui è stato somministrato il vaccino in Italia sono 42.390.996 (92,8% delle 45.701.951 dosi disponibili a partire dal 31 dicembre 2020). Sono 14.136.528 le persone che hanno ricevuto sia la prima che la seconda dose di vaccino: sono il 26,06% della popolazione italiana dai 12 anni in su.


Per informazioni sul coronavirus nel Sannio, in Campania è in Italia consultare i link: Vaccini anti Covid-19 | Domande e risposte | FAQ del Ministero Salute: clicca qui Vaccini anti Covid-19 | Domande e risposte | FAQ dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS): clicca qui).


Il Ministero
La sede che ospita il Ministero della Salute a Roma nel quartiere Eur

MONITORAGGIO FASE 2. REPORT SETTIMANALE ITALIANO. (Ministero della Salute). Diffuso dal Ministero della Salute il Report della settimana 31 maggio – 6 giugno (dati aggiornati al 9 giugno 2021). LA SINTESI: «L’incidenza, sia sull’intero territorio nazionale che in tutte le Regioni e Province Autonome, continua a diminuire ed è in tutte le Regioni e Province Autonome sotto il 50 per 100.000 abitanti ogni 7 giorni. L’effettuazione di attività di tracciamento sistematico possono consentire una gestione basata sul contenimento ovvero sull’identificazione dei casi e sul tracciamento dei loro contatti. La pressione sui servizi ospedalieri si conferma al di sotto della soglia critica in tutte le Regioni e Province Autonome e la stima dell’indice di trasmissibilità Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stabilmente al di sotto della soglia epidemica. La circolazione di varianti che possono avere una maggiore trasmissibilità e/o eludere parzialmente la risposta immunitaria, che ha portato ad un inatteso aumento dei casi in paesi europei con alta copertura vaccinale, richiede un capillare tracciamento e sequenziamento dei casi. Il raggiungimento di una elevata copertura vaccinale ed il completamento dei cicli di vaccinazione rappresenta uno strumento indispensabile ai fini della prevenzione di ulteriori recrudescenze di episodi pandemici».

IL RAPPORTO REGIONALE. L’analisi dei dati relativi alla settimana 31 maggio – 6 giugno (dati aggiornati al 9 giugno 2021). Fonte dati: Monitoraggio Fase 2 (DM Salute 30 aprile 2020): scarica il Rapporto CAMPANIA.


INFORMAZIONI DAL MINISTERO DELLA SALUTE SULLA APP IMMUNI | immuni.italia.it


FAQ DEL MINISTERO DELLA SALUTE: tutte le risposte alle domande sulla App Immuni | https://www.immuni.italia.it/faq.html


LEGGI ANCHE:

Vaccino Covid in Campania, De Luca: no mix vaccinale

Vaccinazione Covid dai 12 anni in su: in Campania prenotazioni in corso. Il link

La Campania è zona gialla fino al 9 maggio. Le regole

Vaccinazione Covid per persone fragili: in Campania in corso le prenotazioni

Pass verde italiano, torna il turismo. Decreto in arrivo

Vaccino Covid-19 senza iniezione, brevetto della Nextbiomics di Napoli

Vaccinazione Covid dai 70 anni in su: in Campania via alle prenotazioni. Il link

Vaccino AstraZeneca, Regione Campania: avanti senza il lotto sospeso

Vaccinazioni negli studi medici in Campania, c’è l’intesa

Lockdown in Campania: parchi, piazze e mercati chiusi. Pasqua a casa dal 3 al 5 aprile: il Decreto

«Daremo noi i vaccini alla Campania», De Luca: pronti gli stabilimenti

La variante inglese del Coronavirus in Campania colpisce 1 positivo su 4

Santa Maria degli Angeli di Benevento, aperto un centro solidale per chi ha bisogno

L’App di Soresa e-Covid Sinfonia tra le più scaricate in Italia per la medicina

 

 

ARTICOLI CORRELATI