«Irpinia e Mezzogiorno assenti dal PNRR», Confesercenti Avellino: penalizzati dal governo

L'appello del presidente provinciale Marinelli alle istituzioni del territorio e della politica: «Occorre una presa di posizione netta e chiara per garantire investimenti adeguati alla necessità del rilancio economico e sociale del territorio»

Confesercenti Avellino punta l’indice contro il Piano nazionale di ripresa e resilienza, segnalando che Irpinia e Mezzogiorno sono assenti dal PNRR elaborato e proposto dal Governo e dai suoi Ministeri. Per il presidente provinciale Marinelli «occorre una presa di posizione netta e chiara delle istituzioni del territorio e della politica, per garantire all’Irpinia adeguati investimenti per il rilancio economico e sociale». Lo spiega nell’intervento che segue


Irpinia e Mezzogiorno assenti dal PNRR. Servono più investimenti, puntando su terziario e turismo

Dichiarazione di Giuseppe Marinelli | Presidente provinciale di Confesercenti Avellino

Giuseppe Marinelli, presidente della Confesercenti provinciale di Avellino

Occorre una presa di posizione netta e chiara delle istituzioni del territorio e della politica per garantire all’Irpinia adeguati investimenti per il rilancio economico e sociale, attraverso i finanziamenti del Recovery fund. Ancora una volta, purtroppo, si palesa il rischio concreto che la provincia di Avellino ed in generale le aree interne ed il Mezzogiorno tutto vengano penalizzate dalle scelte che si compiono sul piano nazionale. Il Pnrr, il Piano nazionale di ripresa e resilienza, definito dal governo, non solo ha praticamente escluso l’Irpinia, salvo l’ipotesi progettuale avanzata dall’Asi per la piattaforma logistica Valle Ufita, ma ha distribuito in maniera iniqua le risorse, che avrebbero dovuto concentrarsi nelle aree che maggiormente richiedono interventi strutturali, in particolare nel Sud. Gli obiettivi individuati, poco lungimiranti e scarsamente innovativi, peraltro, rischiano di trasformare l’intera misura in un flop. Serve, invece, una visione di insieme che indirizzi gli interventi in direzione di un ammodernamento del Paese, a partire dai comprensori più fragili, valorizzando le specificità territoriali, in chiave di conversione e rigenerazione ecologica, di efficientamento e miglioramento qualitativo dei servizi e di avanzamento tecnologico.

Il Consiglio dei Ministri riunito dal Presidente Mario Draghi

È su queste premesse che sollecitiamo istituzioni e classe politica ad attivarsi in maniera coesa e concreta per invertire la rotta, al fine di cogliere l’opportunità rappresentata dal Recovery fund, per lo sviluppo e la crescita sociale dell’Irpinia e dell’intero Paese. Una scommessa che può essere colta riservando l’attenzione necessaria al turismo, alle produzioni tipiche, al commercio di vicinato, all’artigianato, per arrestare il processo di desertificazione  in atto ed aprire nuove prospettive, investendo una quota significativa degli stanziamenti sulla tutela e promozione del patrimonio naturalistico, culturale ed artistico, su infrastrutture materiali ed immateriali, sull’innovazione digitale di aziende e pubblica amministrazione, sulla formazione professionale di cittadini, lavoratori ed imprenditori. La Confesercenti provinciale di Avellino, dal canto suo, è pronta a confrontarsi con tutti gli attori istituzionali, offrendo il proprio contributo in termini di idee e proposte.


LEGGI ANCHE:

PNRR, 82 miliardi per rilanciare il Mezzogiorno. Il Piano

La Diga di Campolattaro nel PNRR tra i 7 interventi strategici

La Campania è zona gialla fino al 13 giugno. Da oggi coprifuoco a mezzanotte. Le regole

Positivi al coronavirus in Irpinia 13 in 24 ore: l’elenco. In Campania 177 casi e 10 morti

Vaccinazione Covid dai 12 ai 39 anni: in Campania prenotazioni in corso. Il link

 

 

 

 

 

 

 

ARTICOLI CORRELATI