Procida capitale della cultura 2022, insediata la cabina di regia a Napoli

È stato sottoscritto un Accordo di collaborazione tra la Regione e il Comune per la realizzazione del programma che sarà presentato nei prossimi mesi

È stato sottoscritto un Accordo di collaborazione tra la Regione e il Comune di Procida per la realizzazione del programma di “Procida Capitale italiana della Cultura 2022”. L’Accordo prevede, tra l’altro, l’istituzione di una cabina di regia per coordinare, realizzare e monitorare gli interventi. «Il vasto programma di ‘Procida Capitale italiana della Cultura 2022’ verrà presentato nei prossimi mesi tenendo conto anche degli sviluppi della pandemia, in base ai quali sarà possibile definire ulteriormente le modalità di svolgimento degli eventi», fa sapere la Regione Campania con una nota.

Il Governatore Vincenzo De Luca durante una conferenza stampa. (Foto della Regione Campania Massimo Pica)

LA CABINA DI REGIA È PRESIEDUTA DA VINCENZO DE LUCA. La Cabina, insediatasi oggi a Palazzo Santa Lucia, è presieduta dal presidente Vincenzo De Luca e così composta: per la Regione, l’assessore al Turismo Felice Casucci, il direttore generale alle Politiche culturali e Turismo Rosanna Romano, la già vicepresidente della Scabec Teresa Armato; per il Comune di Procida, il sindaco Dino Ambrosino, il direttore del progetto Agostino Riitano, la storica Raffaella Salvemini.

ALLA REGIONE CAMPANIA IL RUOLO DI RACCORDO. Nell’ottica di una ampia collaborazione istituzionale, la Regione si impegna a svolgere un ruolo di raccordo tra gli enti coinvolti e nello specifico a mettere in campo: azioni di comunicazione per la promozione degli eventi e il rilancio delle isole, dell’area flegrea e delle zone costiere; azioni di accompagnamento anche mediante il finanziamento di eventi culturali e azioni di digitalizzazione per la fruizione del programma. La Regione si impegna, inoltre, a promuovere interventi a sostegno dell’industria turistica, del comparto produttivo e commerciale; a coinvolgere il mondo dell’associazionismo e degli istituti scolastici regionali; a potenziare la mobilità e i servizi sanitari delle isole in previsione dell’aumento dei flussi turistici, ai fini della sicurezza della salute delle persone.

IL COMUNE DI PROCIDA ENTE ATTUATORE. Il comune di Procida è il soggetto attuatore di tutti gli interventi. Si impegna, dal suo canto, ad attuare le strategie così come previste dal dossier di candidatura “La cultura non isola” – valutato dal Ministero della Cultura e approvato dal Consiglio dei Ministri lo scorso 29 gennaio – e a concordare con la Regione le modalità di realizzazione degli interventi previsti.

DE LUCA E AMBROSINO: «L’ACCORDO TRA REGIONE E COMUNE È PER LA CAMPANIA». «La collaborazione, siglata con questo accordo, è presupposto indispensabile per la riuscita di un progetto straordinario, di valorizzazione e rilancio di Procida e della Campania tutta, in cui Regione e Comune hanno fortemente creduto», ha dichiarato il presidente Vincenzo De Luca. «Siamo grati alla Regione Campania per il suo fondamentale sostegno, orgogliosi di rappresentare – nell’anno da Capitale italiana della Cultura – l’intero territorio regionale, con la sua bellezza, le sue tradizioni e il suo appeal internazionale», ha sottolineato il sindaco di Procida, Dino Ambrosino. «Sin dalla prima fase di progettazione, il nostro programma ha avuto l’ambizione di coinvolgere i Campi Flegrei, l’isola d’Ischia e il golfo di Napoli, certi che oggi più che mai la sinergia sia il reale valore aggiunto per far ripartire il turismo e promuovere percorsi virtuosi di innovazione sociale, a partire dalla nostra piccola isola».


LEGGI ANCHE:

Procida Capitale della Cultura 2022, De Luca: ora il progetto

In Campania i positivi al Covid-19 sono 1.110 con 24 morti (19 nelle 48 ore)

La Campania è zona gialla fino al 16 maggio. Le regole

Pfizer e Moderna in Campania, l’Unità di crisi: seconda dose a 30 giorni

 

 

 

 

 

ARTICOLI CORRELATI