Landolfi di Solofra, Ciarambino e Ciampi interrogano De Luca

La capogruppo e il consigliere del Movimento Cinque Stelle chiedono lumi al Governatore circa il futuro del presidio ospedaliero ex Asl di Avellino, dopo la provvisoria riconversione come centro per il Covid

I consiglieri regionali del Movimento Cinque Stelle Valeria Ciarambino e Vincenzo Ciampi interrogano il Governatore Vincenzo De Luca a proposito dell’ospedale Landolfi di Solofra. Lo fa sapere con una nota Vincenzo Ciampi.

Vincenzo Ciampi

«Ho depositato in queste ore un’interrogazione come primo firmatario insieme alla collega Valeria Ciarambino al presidente della giunta regionale della Campania in relazione alla grave situazione dell’ospedale Landolfi di Solofra», si legge. In particolare, «chiedo di conoscere quali siano le procedure in atto, sia in relazione ai lavori di adeguamento della struttura che all’utilizzo del plesso ospedaliero (che ricordo è pienamente integrato nella rete ospedaliera regionale secondo il piano ospedaliero vigente)». Nel merito, «ho inteso chiedere al presidente se effettivamente si stia procedendo allo smantellamento dei reparti presenti e al trasferimento dei sanitari al Moscati di Avellino e se il pronto soccorso dell’ospedale, attualmente chiuso, sarà reso operativo, come contemplato dal Piano ospedaliero. L’allarme dei sindaci della zona e dei lavoratori richiede immediate risposte».

Il pronto soccorso del presidio ospedaliero Landolfi di Solofr

«IN ARRIVO UNA PIATTAFORMA REGIONALE PER MEDICI DI BASE E PEDIATRI». Nella interrogazione l’ex sindaco di Avellino fa riferimento anche ad altri problemi della Sanità che individua sul territorio. Fa l’esempio «dei medici di base che, andando in pensione, lasciano gli assistiti senza riferimenti. I ritardi dell’Asl nel mettere in atto procedure snelle per individuare medici per le zone carenti della medicina di base sono stati oggetto di una mia interrogazione di oltre due mesi fa». A questo proposito, Ciampi ricorda che «dal direttore generale Postiglione, nella risposta alla mia interrogazione, ho ricevuto rassicurazioni circa l’avvio della piattaforma che mette in linea le esigenze del territorio con le graduatorie dei medici di medicina generale e della pediatria di libera scelta. La piattaforma, se partirà, consentirà di recuperare i ritardi che al momento sono di due anni per la redazione del graduatorie per l’assegnazione degli incarichi. Vigilerò affinchè queste promesse vengano mantenute nell’interesse dei cittadini e per la tutela dei loro diritti». Concludendo, l’esponente pentastellato rileva l’interesse per gli stessi temi da parte di esponenti della maggioranza. «Sono positivamente colpito che anche colleghi della maggioranza di De Luca, in queste ore, si stiano accorgendo delle difficoltà che vive la sanità nella gestione dell’operazione vaccinazioni, nel rispettare il piano ospedaliero come a Solofra e nella tutela degli interessi dei cittadini delle aree interne a cui oggi è negata l’assistenza sanitaria di base».


LEGGI ANCHE:

Il futuro dell’ospedale Landolfi all’esame della Regione Campania

La Campania è zona arancione fino al 7 marzo. Scuole chiuse fino al 14. Le regole

Dpcm in vigore dal 6 marzo: stretta sulla scuola e stop mobilità tra regioni fino al 27. Le regole

Positivi al coronavirus in Irpinia 90 (216 in 48 ore). Impennata in Campania: 2.635 casi e 40 morti

 

 

 

ARTICOLI CORRELATI