Autostazione di Grottaminarda in dirittura d’arrivo. Atteso l’annuncio

Nel cantiere a lavoro per il completamento entro gennaio. L'amministrazione comunale vaglia le ipotesi sulla destinazione d'uso dei locali: università, Asl e centro congressi

L’autostazione di Grottaminarda in dirittura d’arrivo. I lavori stanno proseguendo così come previsto dal cronoprogramma dell’Air, nonostante problemi imposti dall’emergenza sanitaria. Gli amministratori locali sono in forte attesa di conoscere la data di inaugurazione del terminal che sarà certamente pronto per la prossima primavera. I lavori del lotto funzionale procedono speditamente sull’accesso e i parcheggi, quindi sul piazzale. Quindi la realizzazione dell’opera è alla sua fase conclusiva, e si preannuncia la possibilità di un completamento entro la fine di gennaio. Si attende dunque l’annuncio ufficiale dell’Azienda Irpina per una data ufficiale del taglio del nastro.

Il completamento dell’autostazione di Grottaminarda a ridosso del casello autostradale, in prossimità dello sbocco della Strada a Scorrimento Veloce Lioni- Grottaminarda e complementare alla Stazione Hirpinia di Santa Sofia consentirà all’amministrazione comunale guidata da Angelo Cobino di chiudere una casella determinante della strategia per la mobilità annunciata da tempo. A tale proposito il sindaco Angelo Cobino aveva già annunciato le possibili funzioni dell’ala direzionale della struttura. Fra le varie opzioni in campo l’amministrazione immagina un «potenziamento dell’Università, un centro congressi, servizi ad hoc». Il Comune infatti ha già offerto gli uffici dell’autostazione alla Regione Campania per i servizi al territorio.

Il dibattito sulla destinazione d’uso dei locali dell’autostazione ha già impegnato tanto gli amministratori quanto l’Air. La possibilità di includere la Regione Campania come possibile fruitore degli spazi è una ipotesi al vaglio del Comune, per il trasferimento dell’Asl ed altri uffici pubblici. Si punta quindi al potenziamento dell’università, ad una sala congressi della città ed altro. Cobino non ha mai fatto mistero del ruolo che il Comune intende assegnare all’autostazione, che oggi assume il ruolo di core business del nuovo sviluppo urbano del paese, considerato “il punto di forza su cui abbiamo necessità di completare il piazzale del parcheggio che connette sia il casello che la strada in uscita su Via Cipressi” aveva dichiarato.

“Al di là dei campanilismi apriremo un confronto sui servizi da destinare alla città”. Pochi mesi fa infatti era emersa anche l’ipotesi di ospitare un “palazzo di giustizia” terzo rispetto ai fori dismessi di Ariano Irpino e Sant’Angelo dei Lombardi. Ipotesi mai confermata da Angelo Cobino, che al contrario ha preso le distanze da ogni possibile iniziativa politica in tal senso. Lo sguardo all’implementazione di nuovi servizi all’autostazione di Grottaminarda invece resta sul tappeto. La tabella che campeggia all’ingresso del comune “Città dei servizi” deriva da un percorso storico di grande considerazione degli apparati della pubblica amministrazione.


LEGGI ANCHE:

Next Generation nel Sud d’Italia, De Luca riunisce i Governatori: piattaforma unitaria per il Mezzogiorno

Operatori turistici e agenzie di viaggio colpiti dalla pandemia, fondo a sostegno

 

ARTICOLI CORRELATI