Coronavirus in Irpinia: 194 casi, tra cui 38 ad Avellino e 21 a Montoro. L’elenco. Negli ospedali 8 morti in 24 ore

AGGIORNAMENTO DI ASL, MINISTERO DELLA SALUTE E UNITÀ DI CRISI. IN CAMPANIA 3.008 POSITIVI E 49 MORTI. La situazione dell'epidemia sul territorio provinciale, dove si registrano 38 casi ad Avellino, 21 a Montoro e 10 a Mercogliano. Dpcm di Natale, arrivano nuove regole. La mappa aggiornata dell'infezione nelle 5 province. IN RIPRESA IL CONTAGIO ANCHE IN ITALIA: +29.003

Un reparto dell'Ospedale di Avellino, l'Azienda San Giuseppe Moscati

I positivi al coronavirus in Irpinia salgono per 194 casi trovati su 1.950 tamponi analizzati. Con questo aggiornamento il bilancio è di 1.554 contagiati in 12 giorni (129 la media quotidiana). Di seguito il dettaglio fornito dall’Asl Avellino. Sono risultati positivi al coronavirus: 1 residente nel comune di Aiello del Sabato; 2 di Altavilla Irpina; 6 di Aquilonia; 2 di Ariano Irpino; 1 di Atripalda; 38 di Avellino; 1 di Baiano; 1 di Bonito;
3 di Calitri; 1 di Candida; 1 di Caposele; 1 di Capriglia Irpina; 2 di Castel Baronia; 2 di Cervinara; 3 di Chiusano San Domenico; 4 di Domicella; 3 di Flumeri; 2 di Frigento; 7 di Gesualdo; 1 di Greci; 5 di Grottaminarda; 1 di Grottolella; 8 di Lauro; 4 di Lioni; 4 di Marzano di Nola; 10 di Mercogliano; 1 di Mirabella Eclano; 2 di Montefalcione; 3 di Monteforte Irpino; 2 di Montefredane; 4 di Montella; 3 di Montemarano; 21 di Montoro; 5di Moschiano; 2 di Nusco; 1 di Ospedaletto d’Alpinolo; 3 di Pietrastornina; 1 di Prata PU; 5di Pratola Serra; 2 di Quindici; 1 di San Martino Valle Caudina; 2 di San Michele di Serino; 1 di San Potito Ultra; 6 di San Sossio Baronia; 5 di Santa Lucia di Serino; 1 di Sant’Angelo dei Lombardi; 1 di Sirignano; 1 di Solofra; 1 di Trevico; 2 di Vallata; 2 di Villanova del Battista; 1 di Volturara Irpina; 1 di Zungoli. Non si fermano i decessi per coronavirus in Irpinia, con aggiornamenti costanti dagli ospedali, in particolare dal Moscati, dove dal al primo settembre a oggi sono deceduti 78 pazienti Covid positivi, 64 dei quali residenti nella provincia di Avellino. Complessivamente, negli ospedali irpini sono deceduti in 24 giorni 77 persone. Gli ultimi sono un 75enne di Pago del Vallo di Lauro e un 72enne di Ottaviano. Salgono a 8 i morti nelle ultime 24 ore. Sono deceduti in serata una 87enne di Nusco, un 87enne di Montemiletto e una 90enne di Montella. Si aggiungono a un altro 87enne di Aiello del Sabato e ad un 79enne di Avellino, morti in mattinata entrambi al Moscati. Nel frattempo, in Campania continuano a risalire i casi: 3.008 con 49 morti tra il 7 e il 24 novembre. Ma la ripresa riguarda soprattutto il dato nazionale, dove Lombardi e Veneto fanno sfiorare i 30mila casi in un giorno, il più alto dalla scorsa settimana. In questo scenario è in corso il confronto sulle regole per il mese di dicembre con il nuovo Dpcm.

POSITIVI AL CORONAVIRUS IN IRPINIA E NELLE ALTRE PROVINCE CAMPANE – AGGIORNAMENTO ORE 17. Il Dipartimento della Protezione Civile ha diffuso alle ore 17 l’aggiornamento relativo ai casi positivi al coronavirus in Irpinia e nelle province della Campania. I dati: a Napoli 90.974 (+2.090), a Caserta 27.531 (+436), a Salerno 17.985 (+339), ad Avellino 6.814 (+164), a Benevento 2.661 (+63). Il dato riferisce il riepilogo diffuso dalla Protezione Civile comprendente anche casi già noti ma solo ora confermati.

Bollettino Covid-19 del 26 novembre 2020 alle ore 18 diffuso dal Ministero della Salute

I CASI POSITIVI AL CORONAVIRUS IN IRPINIA DALL’INIZIO DELL’EPIDEMIAI positivi al coronavirus in Irpinia sono 6.814, secondo il riepilogo diffuso dal Ministero della Salute elaborato su dati della Protezione Civile. Il dato si riferisce ai casi di coronavirus in Irpinia da marzo. Ecco la mappa dei positivi al coronavirus in Irpinia segnalati dai rapporti Asl (casi attivi, guariti e morti dal marzo 2020): Aiello del Sabato (43), Altavilla Irpina (40), Andretta (3), Ariano Irpino (368 + 63 positivi emersi dallo screening finale di luglio sul coronavirus in Irpinia), Aquilonia (14), Atripalda (156), Avella (286), Avellino (857), Bagnoli Irpino (24), Baiano (150), Bisaccia (25), Bonito (35), Calabritto (8), Calitri (16), Candida (25), Caposele (21), Capriglia (35), Carife (24), Casalbore (20), Cassano Irpino (18), Castel Baronia (8), Castelfranci (16), Castelvetere sul Calore (1), Cervinara (215), Cesinali (45), Chianche (2), Chiusano San Domenico (21), Contrada (34), Conza della Campania (9), Domicella (31), Flumeri (47), Fontanarosa (50), Forino (67), Frigento (65), Gesualdo (76), Greci (5), Grottaminarda (128), Grottolella (24), Guardia Lombardi (17), Lacedonia (13), Lapio (6), Lauro (88), Lioni (51), Luogosano (3), Manocalzati (37), Marzano di Nola (39), Melito Irpino (15), Mercogliano (217), Mirabella Eclano (176), Montaguto (4), Montecalvo Irpino (32), Montefalcione (16), Monteforte Irpino (175), Montefredane (23), Montefusco (4), Montella (78), Montemarano (23), Montemiletto (49), Montoro (357), Morra De Sanctis (4), Moschiano (43), Mugnano del Cardinale (103), Nusco (55), Ospedaletto d’Alpinolo (40), Pago Vallo Lauro (31), Parolise (7), Paternopoli (5), Pietradefusi (21), Pietrastornina (16), Prata Principato Ultra (31), Pratola Serra (70), Quadrelle (18), Quindici (41), Roccabascerana (47), Rocca San Felice (5), Rotondi (58), Salza Irpina (17), San Mango sul Calore (5), San Martino Valle Caudina (92), San Michele di Serino (40), San Nicola Baronia (12), San Potito Ultra (55), San Sossio Baronia (24), Sant’Andrea di Conza (3), Sant’Angelo al Scala (3), Sant’Angelo all’Esca (3), Sant’Angelo dei Lombardi (44), Santa Lucia di Serino (20), Santa Paolina (11), Santo Stefano del Sole (19), Savignano Irpino (34), Scampitella (20), Senerchia (12), Serino (54), Sirignano (63), Solofra (168), Sorbo Serpico (13), Sperone (94), Sturno (54), Summonte (19), Taurano (15), Taurasi (19), Teora (6), Torella dei Lombardi (14), Torre Le Nocelle (7), Torrioni (5), Trevico (15), Tufo (12), Vallata (38), Vallesaccarda (16), Venticano (37), Villamaina (11), Villanova del Battista (17), Volturara Irpina (71), Zungoli (12).

L’Area Covid del Presidio Ospedaliero Sant’Ottone Frangipane di Ariano Irpino

NEGLI OSPEDALI IRPINI 8 MORTI IN 24 ORE. IL BILANCIO: 78 VITTIME IN 24 GIORNI. SOLO NEL MOSCATI SONO 77 DAL PRIMO SETTEMBRE. Sono decedute in 24 ore 8 persone negli ospedali irpini, 7 delle quali nei plessi San Giuseppe Moscati di Avellino e Solofra. Nel solo Ospedale Moscati dal primo settembre a oggi sono deceduti 78 pazienti Covid positivi, 64 dei quali residenti nella provincia di Avellino. Con l’aggiornamento di queste ore, sono salite a 77 le vittime di coronavirus in Irpinia negli ultimi 24 giorni sommando tutti gli ospedali irpini. Di seguito il dettaglio. È deceduto ieri, nell’Unità operativa di Malattie Infettive, dell’Azienda ospedaliera San Giuseppe Moscati di Avellino, un 75enne di Pago del Vallo di Lauro. L’uomo, positivo al nuovo Coronavirus, era ricoverato dal 22 novembre. Sempre ieri sera è morto un 72enne di Ottaviano (Na). L’uomo, positivo al nuovo Coronavirus, era ricoverato in terapia subintensiva dall’11 novembre. La notizia dei due decessi è stata comunicata questa mattina. Ieri sera erano state annunciate 3 vittime registrate in serata. Al plesso ospedaliero Landolfi dell’Azienda Moscati di Avellino è morta una 87enne domiciliata a Nusco. La donna, positiva al nuovo Coronavirus, era stata trasportata al Pronto soccorso della Città ospedaliera il 28 ottobre. Ricoverata in terapia subintensiva nell’Unità operativa di Medicina d’Urgenza, il 31 ottobre era stata trasferita nell’area Covid del plesso Landolfi. Poco prima sono deceduti oggi all’ospedale San Giuseppe Moscati di Avellino 5 pazienti Covid positivi. Al Moscati di Avellino sono deceduti un 87enne di Montemiletto e una 90enne di Montella. L’uomo era stato trasportato al Pronto soccorso della Città ospedaliera il 3 novembre; ricoverato nell’Unità operativa di Malattie Infettive, il 21 era stato trasferito al plesso ospedaliero Landolfi di Solofra. L’anziana era ricoverata dal 19 novembre in terapia subintensiva al Covid Hospital. In mattinata erano stati comunicati i decessi di un 87enne di Aiello del Sabato e un 79enne di Avellino. L’87enne è deceduto al Pronto soccorso della Città ospedaliera, dove è stato trasportato nella notte in gravissime condizioni dagli operatori del 118. Il 79enne era ricoverato dal 4 novembre in terapia subintensiva nell’Unità operativa di Medicina d’Urgenza.

Pronto Soccorso dell’Ospedale San Giuseppe Moscati di Avellino

AL SAN GIUSEPPE MOSCATI DI AVELLINO SONO RICOVERATI 84 PAZIENTI DI COVID, 10 IN TERAPIA INTENSIVA. AL FRANGIPANE DI ARIANO 41 RICOVERATI PER COVID, DI CUI 3 IN TERAPIA INTENSIVA. Sono affollati i reparti covid degli ospedali irpini. Presso l’Azienda ospedaliera San Giuseppe Moscati di Avellino risultano attualmente ricoverati 84 pazienti positivi al nuovo Coronavirus: 10 in terapia intensiva, 35 nelle aree verde e gialla del Covid Hospital, 16 nell’Unità operativa di Medicina d’Urgenza, 13 in Malattie Infettive e 10 nel plesso ospedaliero Landolfi di Solofra. Nel presidio ospedaliero “Frangipane” di Ariano Irpino risultano ricoverati: 3 pazienti (su 7 posti letto) in Terapia Intensiva; 12 (su 12 posti letto) in Medicina Covid; 26 pazienti in Area Covid, di cui 16 (su 16 posti letto) in Medicina e 10 (su 10 posti letto) in Sub Intensiva. Nel frattempo, ieri la Direzione Sanitaria è intervenuta per chiarire la situazione dell’ospedale.

EMERGENZA CORONAVIRUS IN IRPINIA E ORGANIZZAZIONE OSPEDALIERA, IL DIRETTORE GENERALE DEL MOSCATI ANNUNCIA IL PROGRAMMA. Domani, venerdì 27 novembre, alle ore 10, presso la sala riunioni dell’Azienda ospedaliera “San Giuseppe Moscati” di Avellino il Direttore Generale Renato Pizzuti terrà una conferenza stampa per fare il punto sulla gestione ospedaliera dell’emergenza Coronavirus. Parteciperanno: il Direttore Sanitario, Rosario Lanzetta; il Direttore Amministrativo Germano Perito.

Coronavirus, test in Campania al Cotugno. Nella foto: l’ingresso all’Ospedale Cotugno

IN CAMPANIA 3.008 CASI IN 24 ORE E 49 MORTI. RISALGONO ANCHE I RICOVERI IN TERAPIA INTENSIVA. In Campania i positivi al Covid-19 salgono a 146.018 per 3.008 nuovi casi su 23.761 tamponi (1.508.502 dall’inizio della pandemia). Sale ancora il numero dei contagiati su base quotidiana. Tra i nuovi positivi nelle ultime 24 ore si contano 2.681 asintomatici e 327 persone con sintomi evidenti. L’epidemia segna una curva in leggera crescita, ma su livelli più bassi rispetto ai picchi delle scorse settimane. Negli ospedali al situazione è dinamica in queste ore, con una salita e una discesa alternata di ricoveri e terapie intensive. Il dato resta sostanzialmente stabile, anche per effetto delle guarigioni. Questo consente una governabilità degli ospedali, in questa fase. Il nuovo Report su base regionale diffuso dall’Unità di crisi riferisce che su 656 posti letto di Terapia intensiva complessivi, 200 sono occupati, con una risalita rispetto al giorno precedente. Nei reparti covid sono 2.212 i ricoverati su 3.160 posti attivabili (compresa l’offerta privata). La riserva è ora di 948 posti letto complessivi, in crescita per effetto della leggera diminuzione di degenti. L’attuale disponibilità di posti è il frutto del Piano regionale approvato dal Ministero della Salute il 24 luglio scorso, integrato da posti ricavati nelle cliniche private convenzionate. Il bilancio delle vittime, invece, si aggrava ogni giorno. L’aggiornamento avviene con un relativo ritardo, per i controlli necessari imposti dalla norma prima di dichiarare il coronavirus la causa della morte. Il bollettino riferisce che ci sono 47 nuove vittime, comunicate in queste ore per decessi avvenuti negli ospedali e sul territorio tra il 7 e il 24 novembre. Dall’inizio dell’epidemia sono morte di coronavirus 1.434 persone (1.004 dal primo ottobre). Da segnalare il maggior numero di guariti in un solo giorno dall’inizio dell’epidemia, 3.471. Nel frattempo, in vista del nuovo Dpcm, le Regioni e il Governo stanno confrontandosi per stabilire le nuove regole in vista del periodo natalizio. Si discute con un occhio ai dati, che in queste ore riportano il nuovo contagio su base nazionale appena sotto i 30mila casi (+29.003), con la Lombardia a 5.697 e il Veneto a 3.980 davanti alla Campania che resta ferma a 3.008, come detto. Il Ministero della Salute preme per restrizioni rigorose, in attesa che a gennaio inizino le vaccinazioni. E, a questo proposito, è in pieno svolgimento la vaccinazione contro l’influenza (che presenta sintomatologie simili a quelle del Covid). La priorità riguarda le persone con patologie, anziani ultra65enni e bambini fino a 6 anni.

In Campania i positivi al Covid-19 nell’aggiornamento fatto dalla Unità di Crisi della Regione Campania alle ore 17,00 di oggi 26 novembre 2020

LA SITUAZIONE CLINICA. L’Unità di crisi ha comunicato 49 vittime (tra il 7 e il 25 novembre), che portano a 1.483 il numero totale dei morti per il coronavirus in Campania dall’inizio dell’epidemia. Sono 1.053 i decessi comunicati dall’Unità di Crisi a partire dal primo ottobre. Ci sono 1.723 guariti, che portano il totale a 41.151. Nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del nuovo Coronavirus sul territorio regionale, secondo i dati diffusi dal Ministero della Salute alle ore 17, i pazienti ricoverati con sintomi in Campania sono 2.212 (-70) in terapia intensiva 200 (+8), mentre 99.674 (+1298) si trovano in isolamento domiciliare. I casi attualmente positivi, cioé detratti i guariti e i deceduti, sono 102.148 (+1.236) contro 146.018 casi totali dall’inizio della pandemia.

La sala del Consiglio dei Ministri a Roma, all’interno di Palazzo Chigi

NUOVO DPCM IN CANTIERE PER LE REGOLE DA APPLICARE AL NATALE. VERSO LA QUARANTENA OBBLIGATORIA PER CHI TORNERÀ DA VACANZE ALL’ESTERO O SULLA NEVE . Sono pochi i punti fermi del nuovo Dpcm, che dovrà regolamentare le norme di contenimento del coronavirus dal 4 dicembre fino al periodo natalizio. Tra questi,  la quarantena obbligatoria per chi tornerà da viaggi all’estero dopo le vacanze o sa soggiorni sulla neve. In queste ore sono in corso le riunioni per approfondire le altre regole. I nodi da sciogliere riguardano il numero di persone ammesse al cenone e l’orario del coprifuoco, che comunque dovrebbe essere confermato anche durante il periodo delle feste. Per il resto, si parla di orari prolungati per i negozi, almeno fino alle 22, per consentire lo scaglionamento degli acquisti. Quanto alla mobilità tra regioni, il punto interrogativo per ora resta. Dal Ministero della Salute si preme per mantenere la mobilità entro i confini del Comune di residenza, ma in tanti chiedono deroghe per il ricongiungimento familiare. Governo e Regioni proseguono il confronto.

SCUOLA, GOVERNO IN PRESSING PER AUTORIZZARE LA DIDATTICA IN PRESENZA. I SINDACI RESISTONO. Il confronto in corso tra Governo e Regioni riguarda anche la scuola. Il nuovo Dpcm dovrà stabilire la data di riapertura, che la ministra Azzolina vorrebbe fissare al 9 dicembre per le scuole superiori e le seconde e terze medie nelle regioni in fascia gialla e arancione. In Campania sono state autorizzate le prime classi delle primarie e gli asili, ma con scarso esito. Al di là delle ordinanze dei sindaci, che hanno prorogato lo stop, sono le famiglie a frenare in attesa dell’evoluzione epidemiologica.

IN ITALIA (DATO DEL 26 NOVEMBRE ALLE 17). I POSITIVI SONO 795.845. I GUARITI SONO 661.180 E I DECEDUTI 52.850. OGGI 29.003 CASI IN PIÙNell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del nuovo Coronavirus sul territorio nazionale, i casi totali nel nostro Paese sono 1.509.875 ma al momento sono 795.845 le persone che risultano positive al virus. Le persone guarite sono 661.180. I pazienti ricoverati con sintomi sono 34.038, in terapia intensiva 3.846 mentre 757.961 si trovano in isolamento domiciliare. I deceduti sono 52.850, questo numero, però, potrà essere confermato solo dopo che l’Istituto Superiore di Sanità avrà stabilito la causa effettiva del decesso. L’incremento dei casi totali è di +29.003.

Bollettino Covid-19 del 26 novembre 2020 alle ore 18 diffuso dal Ministero della Salute
La Prefettura di Napoli

CAMPANIA «ZONA ROSSA»: LE REGOLE. La Campania è zona rossa da domenica 15 novembre sul territorio regionale, dove si eleva il tasso di rischio epidemiologico. Le regole impongono di restare a casa. In Campania sono vietati gli spostamenti anche all’interno del proprio Comune. Per uscire servono una ragione valida e l’autocertificazione (Scarica il modello). Se non si dispone di un modello lo forniranno al momento del controllo le forze dell’ordine. La norma stabilita dal Dpcm del 4 novembre 2020 stabilisce la limitazione della mobilità «salvo che per comprovate esigenze di lavoro, salute e urgenza» con autocertificazione. Si riducono tutte le attività essenziali (leggi l’approfondimento). Per informazioni più dettagliate su ciò che si può fare nella Zona Rossa si può consultare il vademecum preparato dal Governo, eccolo: AREE ROSSA, ARANCIONE E GIALLA: istruzioni e regole. Disponibile il testo integrale della Ordinanza ministero della Salute 13 novembre 2020 (clicca qui).

SPOSTAMENTI TRA COMUNI E DENTRO I COMUNI IN AREE GIALLE, ARANCIONI E ROSSE: RISPOSTE ALLE DOMANDE FREQUENTI. Il Governo ha predisposto una pagina per rispondere alle domande frequenti sulle misure di contenimento del coronavirus, ai sensi del Dpcm del 4 novembre 2020. L’uso delle mascherine obbligatorio in ufficio e nello studio professionale, gli spostamenti e le autocertificazioni sono alcuni dei temi trattati. Gli interessati possono connettersi a http://www.governo.it/it/articolo/domande-frequenti-sulle-misure-adottate-dal-governo/15638#zone.

L’APP E-COVID CONSENTE DI VISUALIZZARE L’ESITO DEL TAMPONE IN TEMPO REALE. L’App di Soresa e-Covid Sinfonia permette di visualizzare l’esito del tampone presente nella piattaforma regionale SINFONIA (anche test rapido e sierologico) e comunicare lo stato di salute dei cittadini campani al centro di monitoraggio e controllo emergenza Covid-19 della Regione Campania. (Approfondimento: come funziona).

Il Ministero
La sede che ospita il Ministero della Salute a Roma nel quartiere Eur

MONITORAGGIO FASE 2. REPORT SETTIMANALE ITALIANO. (Ministero della Salute). Diffuso dal Ministero della Salute il Report relativo alla settimana 9-15 novembre novembre 2020 (aggiornati al 18 novembre 2020). Fonte dati: Monitoraggio Fase 2 (DM Salute 30 aprile 2020). La sintesi: «Il report della Cabina di regia numero 27 relativo al periodo 9 – 15 novembre mostra che l’incidenza delle nuove diagnosi ha raggiunto livelli molto elevati e diffusi in tutto il Paese. Si evidenzia un carico rilevante di Covid-19 sui servizi sanitari territoriali e ospedalieri. L’aumento continuo dei ricoveri Covid-19 implica una inevitabile erosione delle risorse disponibili per l’assistenza ospedaliera ai pazienti con altre patologie. L’incidenza elevata, seppure con un iniziale rallentamento dell’indice di trasmissione, richiede il mantenimento rigoroso delle misure in essere per consentire una diminuzione, la più rapida possibile, delle infezioni».

IL RAPPORTO REGIONALE. L’analisi dei dati è relativa alla settimana 9-15 novembre 2020 (aggiornati al 18 novembre 2020). Fonte dati: Monitoraggio Fase 2 (DM Salute 30 aprile 2020). Leggi il RAPPORTO CAMPANIA aggiornato al 18 novembre.


INFORMAZIONI DAL MINISTERO DELLA SALUTE SULLA APP IMMUNI | immuni.italia.it


FAQ DEL MINISTERO DELLA SALUTE: tutte le risposte alle domande sulla App Immuni | https://www.immuni.italia.it/faq.html


LEGGI ANCHE:

Piano Vaccini-Covid per l’Italia il 2 dicembre. Dosi a carico dello Stato

La Campania è zona rossa: si torna al lockdown. Le regole

‘Diamoci una mano’ ad Avellino, 57 volontari per aiutare chi ha bisogno

Decreto Ristori bis approvato: stop tasse e versamenti a novembre, via ai contributi: ecco le misure

In Campania scuole chiuse e stop mobilità tra province. Scatta l’area gialla: le regole

Area Covid ad Ariano operativa con 33 posti letto. Al Moscati sono 115 i ricoverati

Tamponi in Campania nei laboratori privati, ecco dove: i 193 accreditati

Immunoglobuline iperimmuni contro il SARS-CoV2, Federico II e Cotugno lanciano l’Ipercovid

 

ARTICOLI CORRELATI