Coronavirus nel Sannio, 30 positivi e 158 guariti. In Campania 6 casi e un morto

AGGIORNAMENTO DELL'ASL. La situazione dell'epidemia di Covid-19 in provincia di Benevento. A livello regionale il contagio cresce ancora in maniera contenuta. Le tabelle

I positivi al Coronavirus nel Sannio restano 30. L’ultimo bollettino diffuso dall’Asl di Benevento nel primo pomeriggio di oggi, 25 maggio, attesta che sono 158 le persone ristabilite. Sono 204 i casi totali (cioé dall’inizio dell’epidemia) documentati dal Ministero della Salute (che calcola i casi totali, compresi decessi e guariti). Di seguito il riepilogo dettagliato del coronavirus nel Sannio per Comune pubblicato sul sito dall’Asl di Benevento (in versione pdf scaricabile), prima del nuovo aggiornamento regionale sul coronavirus nel Sannio e nelle altre province.


Aggiornamento dell’epidemia di coronavirus nel Sannio fornita dall’Asl Benevento alle 12 del 25 maggio 2020 | Scarica il documento


IN CAMPANIA 6 NUOVI CASI. IL TOTALE SALE A 4.755. In Campania i positivi al Covid-19 sono 4.755 con 6 nuovi casi di coronavirus su 3.360 tamponi esaminati (175.466 dall’inizio della pandemia). L’Unità di Crisi della Regione Campania ha comunicato l’esito degli esami: all’Ospedale Cotugno di Napoli: sono stati esaminati 390 tamponi di cui 1 positivo; all’Ospedale Ruggi di Salerno 319 di cui nessuno positivo; all’Asl di Caserta (presìdi di Aversa-Marcianise 305 di cui nessuno positivo; all’Ospedale Moscati di Avellino 149 di cui 2 risultati positivo; all’Ospedale San Paolo di Napoli 197 di cui 1 positivo; presso il Laboratorio dell’Azienda ospedaliera Federico II 182 di cui nessuno positivo; all’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno 699 di cui 1 positivo; all’Ospedale di Nola 341 di cui nessuno positivo; all’Ospedale San Pio di Benevento 39 di cui nessuno risultato positivo;​​ all’Ospedale di Eboli 96 di cui 1 positivo; al CEINGE/IZSM 206 di cui nessuno risultato positivo; al Laboratorio Biogem 114 tamponi di cui nessuno risultato positivo;​ al Cardarelli/IZSM: 323 tamponi di cui nessuno positivo.

In Campania i positivi al Covid-19 nell’aggiornamento fatto dalla Unità di Crisi della Regione Campania alle ore 22,00 di oggi 24 maggio 2020

UNA VITTIMA E 9 PAZIENTI GUARITI NELLE ULTIME 24 ORE. Dopo un giorno di tregua c’è una nuova vittima, che porta il bilancio complessivo a 405 dall’inizio dell’emergenza. Sono 9 i guariti segnalati nelle ultime 24 ore, per un totale di 3.076, di cui 2.904 totalmente guariti e 172 clinicamente guariti. Vengono considerati clinicamente guariti i pazienti che, dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate all’infezione virologicamente documentata da SARS-CoV-2, diventano asintomatici per risoluzione della sintomatologia clinica presentata ma sono ancora in attesa dei due tamponi consecutivi che ne comprovano la completa guarigione).

I RICOVERI CON SINTOMI RISALGONO: 16 IN PIÙ NELLE 24 ORE. Nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del nuovo Coronavirus sul territorio regionale della Campania, il Ministero ha diffuso la tabella con gli ulteriori dati clinici ieri alle 18. I pazienti ricoverati con sintomi in Campania sono 311 (+16) in terapia intensiva 8 (-2), mentre 949 (-20) si trovano in isolamento domiciliare. I casi attualmente positivi, cioé detratti i guariti e i deceduti, sono 1.268 (-5) contro i 4.744 dall’inizio della pandemia

LA MAPPA DEI POSITIVI AL CORONAVIRUS NEL SANNIO E NELLE ALTRE PROVINCE. Di seguito il riparto dei positivi totali nel Sannio e nelle altre province: Napoli: 2.589​ (di cui 981 Napoli Città e 1.608 Napoli provincia); Salerno: 679; Avellino: 537; Caserta: 453; Benevento: 204. Altri in fase di verifica Asl: 288

IN ITALIA (DATO DEL 24 MAGGIO ALLE 18). I POSITIVI SONO 56.594. I GUARITI SONO 140.479 E I DECEDUTI 32.785Nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del nuovo Coronavirus sul territorio nazionale, i casi totali nel nostro Paese sono 229.858 al momento sono 56.594 le persone che risultano positive al virus. Le persone guarite sono 140.479. I pazienti ricoverati con sintomi sono 8.613, in terapia intensiva 553, mentre 47.428 si trovano in isolamento domiciliare. I deceduti sono 32.785 questo numero, però, potrà essere confermato solo dopo che l’Istituto Superiore di Sanità avrà stabilito la causa effettiva del decesso. L’incremento dei casi totali è di +531.

Bollettino Covid-19 del 24 maggio 2020 alle ore 18 diffuso dal Ministero della Salute

Il rapporto
Angelo Borrelli, Capo della Protezione Civile

RISCHIO EPIDEMIOLOGICO NELLE REGIONI ITALIANE, RAPPORTO AGGIORNATO AL 21 MAGGIO. “In tutte le regioni i casi sono in decremento, ma rimangono delle differenze che dividono sostanzialmente in tre aree il Paese: regioni con pochissimi casi o zero e altre come la Lombardia con un numero significativo”. Lo ha detto il presidente dell’Istituto superiore di sanità (Iss), Silvio Brusaferro, alla conferenza stampa settimanale sull’andamento dell’epidemia di Covid-19. In questa fase 2 si riduce la pressione sulle strutture sanitarie. “Non abbiamo segnali di sovraccarico dei servizi ospedalieri, sia per quanto riguarda le terapie intensive sia per quanto riguarda i reparti” ha sottolineato Brusaferro. Avvertendo però che, sebbene la curva dei contagi sia in calo, “il virus circola ancora da noi e non possiamo permetterci di allentare le misure di protezione individuale”. LO STRUMENTO DI MONITORAGGIO (11-17 maggio).In questo momento l’indice di contagio Rt si mantiene sotto il valore di 1 in tutte le regioni italiane eccetto la Valle d’Aosta, dove è pari a 1,06. Questo è il quadro che emerge dal monitoraggio settimanale (11-17 maggio) della cabina di regia (formata da ministero della Salute, Iss e Regioni) sulla diffusione di Covid-19 in Italia. “I dati del monitoraggio sono al momento incoraggianti – ha commentato il ministro della Salute, Roberto Speranza -. Ci dicono che il Paese ha retto bene le prime aperture del 4 maggio. Ma guai a pensare che la partita sia vinta. Serve massima cautela. Basta poco a vanificare i sacrifici fatti finora. L’indice Rt è oscillante nel Paese, è normale e segnalarlo non vuol dire assolutamente fare pagelle – ha spiegato il presidente dell’Iss -. I casi di Umbria e Molise che hanno visto l’indice salire per alcuni focolai lo dimostrano: oggi quel dato è rientrato. Lo strumento messo a punto per monitorare l’andamento dell’epidemia è un po’ una novità per il nostro Paese che ci consente di riuscire a rilevare anche piccoli segnali d’allarme che possono comparire” ha precisato il neo direttore generale della Prevenzione del ministero della Salute, Giovanni Rezza. Facendo presente che bisognerà “mantenere costantemente alta l’attenzione di identificazione dei focolai anche durante il periodo estivo”.


LEGGI ANCHE:

Palestre e piscine riaprono in Campania oggi con agriturismo e bed & breakfast. L’ordinanza

Sequestrati i depuratori Gesesa a Benevento: 33 persone indagate

Pensioni minime in Campania a mille euro per 250mila persone. Soldi sul conto a maggio ‘in automatico’

In Campania soldi a famiglie e imprese a maggio. Pensioni minime e bonus, ecco come

Vaccino per il coronavirus dall’Università di Pittsburgh, partner di Villa Maria per radioterapia

ARTICOLI CORRELATI