Viadotto di Parolise sull’Ofantina bis quasi pronto, via d’accesso no

L'allarme degli amministratori locali per il mancato intervento sulla viabilità utilizzata dai mezzi pesanti per raggiungere il viadotto durante la fase di ricostruzione. Il cronoprogramma fissa al 23 dicembre la riapertura della strada

il viadotto di Parolise sull’Ofantina bis è quasi pronto, ma l’Amministrazione comunale guarda con preoccupazione alla via d’accesso, il tratto cosiddetto «Parolise 1», utilizzato all’interno del cantiere come accesso per i mezzi pesanti impegnati nelle operazioni di ricostruzione del viadotto. A quattro settimane dalla data stabilita per la apertura del ponte, ormai ricostruito, il Sindaco Antonio Ferullo ha esternato la propria preoccupazione attraverso le emittenti televisive locali, temendo ulteriori ritardi nel ripristino della viabilità gestita dall’Anas. Ferullo raccoglie l’apprensione di molti cittadini residenti, da un anno e mezzo costretti a veder transitare nel centro urbano il traffico della strada statale. Il protrarsi del maltempo e il mancato intervento lungo queste poche centinaia di metri potrebbe creare ritardi nella tabella di marcia della strada. Lungo questo tratto era stato programmato il rifacimento dell’asfalto, la sostituzione e il consolidamento del guard rail e la sistemazione e adeguamento della segnaletica.

Ofantina bis, il viadotto di Parolise in fase avanzata di ricostruzione
Lo stemma dell’Anas

IL PROGRAMMA: VIADOTTO PERCORRIBILE DAL 23 DICEMBRE. L’Ofantina bis sarà di nuovo unita a Natale, si era annunciato nelle scorse settimane. Ufficialmente il cronoprogramma dell’Anas non è mutato. L’obiettivo di tagliare il nastro entro la fine dell’anno resta. A Parolise e a San Potito Ultra si spera che venga mantenuto, alla luce dell’impatto che il percorso alternativo ha generato lungo i centri urbani. Il viadotto è rimasto chiuso dal 24 maggio 2018. Doveva essere di nuovo percorribile entro 10 mesi, ovvero dal febbraio 2019. Ma problemi di varia natura, prima di copertura finanziaria, poi di ordine amministrativo, hanno complicato la tabella di marcia. Secondo la previsione di Anas e imprese, il viadotto sarà riaperto a dicembre, anche se la data ufficiale sarà fornita solo nelle prossime settimane.

BARRIERE ANTI RUMORE. Ricostruito il viadotto, gli interventi in corso riguardano il risanamento strutturale di pile e spalle del viadotto, la mitigazione del rischio ambientale mediante l’inserimento di pannelli fonoassorbenti lungo l’area urbanizzata, la sostituzione delle travi in precompresso, che consentono di allungare i tempi degli interventi di manutenzione. Si aggiungono le opere di miglioramento di viabilità comunali, prescritte dalle Amministrazioni locali.


LEGGI ANCHE:

Ofantina bis, si apre a Natale il nuovo ponte di Parolise

ARTICOLI CORRELATI