Tronco di castagne da Guinness per 'Nero di Bagnoli' e Mostra Mercato del Tartufo. Torna il doppio appuntamento con il gusto nel borgo altirpino, tra castagne, tartufo, prodotti tipici, artigianato e musica

Tronco di castagne da Guinness per il ‘Nero di Bagnoli’ e la Mostra Mercato del Tartufo, due appuntamenti con l’enogastronomia e le tradizioni della provincia di Avellino. Si comincia con “Il Nero di Bagnoli” (al via il 19 e 20 ottobre) prologo al successivo week end con la 42esima Mostra Mercato e Sagra del Tartufo Nero di Bagnoli, della Castagna e dei prodotti tipici. Come da tradizione, sono attese diverse migliaia di visitatori ad affollare un percorso del gusto lungo tre chilometri, lungo i quali il pubblico dovrà destreggiarsi tra circa 110 stand. Saranno «due week end di gusto e musica dal 19 al 27 ottobre: primo week end sabato 19 ottobre e domenica 20 ed il secondo week end venerdì 25, sabato 26 e domenica 27», fanno sapere gli organizzatori. «Bagnoli Irpino, dunque, si appresta a diventare per due fine settimane la capitale del turismo enogastronomico della Campania. Ma sono attesi anche migliaia di visitatori e da questo punto di vista, l’obiettivo è quello di superare il successo, in termini di presenze, dello scorso anno».


Il Nero di Bagnoli, la locandina
Il logo de “Il Nero di Bagnoli”

IL ‘NERO’ APRE IL 19 OTTOBRE. L’ottobre del gusto bagnolese si inaugura sabato 19 alle ore 10 con l’apertura degli stand gastronomici fino a tarda notte. Caldarroste e musica nelle varie piazze del borgo, poi in serata il concerto evento dei Molotov d’Irpinia in Piazza Leonardo Di Capua.

TRONCO DI CASTAGNE DA GUINNESS. Nel corso dei due week-end ci sarà la possibilità di immergersi nel gusto e nella tradizione di Bagnoli Irpino e sabato 26 la tradizionale apertura del tronco di castagne da guinness. Un tronco di castagne che quest’anno sarà frutto di una rivisitazione da parte delle massaie bagnolesi. Per prepararlo sono state impegnate quasi tutte le massaie del borgo antico di Bagnoli Irpino e sono stati impiegati: 3 quintali di castagne, 1,5 quintali di zucchero, 1 quintale di pan di spagna, 40 litri di Strega e 3 quintali di margarina. «Anche quest’anno siamo partiti con largo anticipo per permettere la realizzazione di quello che è la manifestazione enogastronomica principale di Bagnoli Irpino», spiega il presidente della Pro Loco Bagnoli-Laceno, Francesco Pennetti. «Cerchiamo ogni anno di migliorare quello che è un evento ormai consolidato nel Sud Italia, concentrandoci sulla valorizzazione dei prodotti tipici che ci regala il nostro territorio e tenendo d’occhio la tradizione che ha contraddistinto il Nero di bagnoli in questi 42 anni». La Pro Loco di Bagnoli però non si ferma qui», continua il presidente. «In collaborazione con l’Amministrazione comunale e la Regione Campania (con il piano di finanziamenti del POC 2014-2020) organizzerà nel periodo invernale eventi come: mercatini, concerti di natale e tanto altro per continuare quella che è la mission dell’associazione di promozione e valorizzazione del territorio bagnolese».

Il logo della Pro Loco di Bagnoli e del Laceno

Pennetti sottolinea la valenza dell’appuntamento con il tronco di castagne da Guinnes nella giornata di sabato 26 ottobre: «Per noi rappresenta un vanto». Con la nuova edizione del Nero di Bagnoli e della Mostra Mercato «presenterà una rivisitazione da parte delle nostre massaie». Altra novità sarà la filodiffusione in tutto il paese, che «io ho voluto fortemente per permettere la condivisione di informazioni a tutti i turisti che verranno nei week end». Con una nota. il presidente Pennetti ed i suoi collaboratori «si impegnano ogni anno a mostrare la vitalità e l’accoglienza del paese che sta vivendo un momento di stallo, come in tutti i piccoli paesi del Sud Italia e ci tiene a ringraziare per questo la popolazione che con la collaborazione permette la buona riuscita dell’evento, anche a volte intaccando quelli che sono i ritmi quotidiani». In questo senso, «il Nero di Bagnoli rappresenta anche cultura e scoperta del territorio, con visite guidate al famosissimo ‘Coro Ligneo’ della Chiesa Santa Maria Assunta, del dipinto Marco Pino da Siena nel Convento di San Domenico, del Castello Cavaniglia ed altri monumenti storici di Bagnoli Irpino».

COME ARRIVARE. Viabilità e percorsi alternativi consigliati. Visti Lavori in corso sul viadotto ‘Parolise II e III’ situato sulla strada statale 7 “Appia” si consiglia, per chi arriva da Avellino Est, il seguente percorso alternativo: Uscita sulla SS7 “Appia” in direzione Montemiletto, innesto sulla SP173 al km 296,400, successivo innesto sulla SP214 e sulla SP88 fino allo svincolo statale 7 Ofantina-exSS400 in Chiusano San Domenico. Sono quattro le aree parcheggio allestite in occasione della 41esima Mostra Mercato del Tartufo Nero di Bagnoli Irpino: Area sosta camper del Laceno, area Pip, Campo Sportivo e lungo via Circumvallazione. Nel prezzo del parcheggio sia per l’Area sosta Camper sul Laceno che per l’area Pip è previsto il servizio navetta.


Nero di Bagnoli: raddoppiate le presenze, successo della sagra

ARTICOLI CORRELATI